"SOLO L'ASSENZA DI CERTEZZE PUÒ AIUTARCI A RESTARE LIBERI"
(Roberto Esposito)

mercoledì 13 novembre 2019

ASPETTANDO LA STUFA

Pian piano i lavori sono arrivati quasi alla fine, adesso è questione di dettagli o poco più. Intanto abbiamo ordinato la stufa a legna che andrà in tinello, ci vorrà circa un mese prima che la consegnino. Nell’attesa ci siamo premuniti, non sia mai che, quando la stufa arriva, manchi di che nutrirla ;)



Siamo entrambi stanchi morti, quasi un’ anno di avanti indietro tra terre basse e terre alte, anno subito successivo ad uno ancora più faticoso quando la spola la si faceva tra gli ospedali.

Lei no invece non è stanca per niente e pare aver affrontato questo periodo meglio di noi. Ci chiedevamo se si sarebbe adattata al nuovo ambiente…

 …Come se la sarebbe cavata con la lunga passerella…

Per ora sembra benissimo :)


Solo i primi freddi la convincono a stare un po’ più in casa, quando ci sarà la stufa accesa son convinta che gradirà ancora maggiormente.

giovedì 11 luglio 2019

È PASSATO MOLTO TEMPO

Ma qualcosa alla fine ho combinato.

Su e giù tra Terre Alte e Terre Basse non ho avuto molto tempo, seguire dei lavori a 400 chilometri di distanza è  un casino.

La mia attenzione al blog si è annullata a parte cancellare qualche commento spam null’altro ho fatto e anche oggi la qualità delle foto sarà decisamente bassa, fatte co telefonino, scusate.

Tra l’altro l’editor che usavo ha smesso di funzionare come si deve, non caricava più le foto, ed ho dovuto trovare trucchetti per ridurlo a più miti consigli e farlo ubbidire.

Ecco dunque il seguito del post precedente, dall’idea alla sostanza…



In somma, un cesso di post ;)

Però mi pare sia venuto bene; il cesso, non il post.

domenica 27 gennaio 2019

LASCIARE TERRE BASSE 2

Ovvero come è difficile scegliere le piastrelle ;)

Un ottimo motivo per fare i pavimenti legno quasi ovunque, anche in cucina, è quello di non dover cercare le mattonelle, ma in bagno no,li le metto, e quindi mi tocca scegliere.

Ero partita con un’idea ben precisa, ma poi disegno dopo disegno, simulazione dopo simulazione ho cambiato parere niente più piastrelle 10x10 bianche con i particolari in nero.


nemmeno alleggerendo i bordi


Il 10x10 che in principio mi era sembrato una buona scelta, adatta ad una casa di inizio ‘900, ha cominciato a sembrarmi opprimente con tutti quei quadretti.

Ho optato così per del 20x20 fermo restando la scelta dei colori: bianco e nero, perché tutto ruota attorno alla mia fissazione per il lavandino che ho immaginato.

Ho in casa una consolle liberty nera che una volta aveva un piano di marmo andato rotto negli anni e che farò rifare. La voglio come base per un lavabo in appoggio.

Eccola qui dal vero:


La foto è orribile, la casa in questi giorni è un magazzino in delirio, non ci si gira e si fa quel che si può, e si sono io, ma tanto non mi si vede, quindi va bene.

Ed eccola qui disegnata per le mie simulazioni


Ebbene per questa volta sono soddisfatta di me, è un buon lavoro.

Dunque ho immaginato il bagno tutto di conseguenza a questa consolle, (che volete la pazzia vuole il suo sfogo, d’altra parte una volta ho visto costruire un intero bar in funzione di un condizionatore; almeno la mia petinouse è bella.)

Tornando alle mattonelle, ne ho trovate, dopo molto cercare, prodotte da una ditta nota che ha la sede qui vicino, alcune che mi piacciono, e non mi dispiacciono nemmeno le simulazioni che ne ho ottenuto, ma quali scegliere?

Albori? (Si chiamano così)



O Nocelle?




Vi piacciono o l’insieme è orrendo?
Quale preferite? MI aiutate?

La mia selta del momento ve la dirò poi, tanto faccio a tempo a cambiare idea chissà quante volte :)

P.S.
Sono  molto contrariata dall'impaginazione di questo post, ma il mio solito programmillo fa i capricci e ho dovuto far diversamente. spero di trovare una soluzione.

lunedì 14 gennaio 2019

NONTOLLERA


Ho finito oggi di leggere un libro di Francesca Melandri. Come in altre sue cose non riesce a scrollarsi di dosso un tono un po’ didattico che però non è fine a se stesso, ce ne fossero di più di scrittori che ci mettono davanti alle tante cose della nostra storia sempre sottaciute, nascoste sotto il velo di “italiani brava gente”. Brava gente un cazzo! Figuriamo tali solo fino a quando non abbiamo l’occasione di dimostrarci per quello che siamo, talora pessimi.

“Sangue Giusto” (brutto titolo per mio gusto) si snoda tra presente, avvento del fascismo e guerra di Etiopia.

Tra i personaggi uno porta il soprannome di “Nontollera”, è un anarchico di Lugo che lega il suo nome ad una lapide, murata sulla rocca della cittadina, dedicata ad un martire dell’inquisizione  giustiziato nella piazza antistante.

Tempo fa con il mio compagno siamo stati, appunto, a fare un giro a Lugo, e una delle cose che più mi aveva colpito era stata la ricchezza di targhe sui muri delle case e della rocca. 20131102_7022a

Ecco che tra le foto fatte quel giorno ritrovo proprio quella voluta da Olindo Guerrini e che ammonisce e ricorda che:

"La chiesa non tollera ombra di libertà”

Come allora questa ammonizione continua a piacermi.

Qui sotto un piccolo saggio dell’amore per la storia e le lapidi commemorative della gente di Lugo


20131102_700020131102_7001

20131102_7064
“Indomito agitatore” non è male :)

20131102_7031a

Anche nel presente  la passione per le targhe permane

20131102_7026

20131102_6996

Molto particolareggiata ;-)

20131102_7032a
Pure un po’ di internazionalismo con la Repubblica Orientale dell’ Uruguay.

Ce ne erano molte altre in questa piccola città assai gradevole dal bellissimo Pavaglione

20131102_7020a

20131102_7017a

Mi è piaciuto ritrovare nel libro l’ accenno a quella scritta e le descrizioni di Lugo con il suo monumento a Francesco Baracca

20131102_7034a

domenica 16 dicembre 2018

PER LORO NON C’ERA POSTO

Riprendo oggi un post altruiDSC_5052_corretto
Qui l’articolo completo di Alberto, andate a guardarvelo!
Credo lo sappiate, non sono credente, è che alcuni messaggi nulla hanno a che fare con il divino, il trascendente, ma molto, tutto,  con l’umanità