"SOLO L'ASSENZA DI CERTEZZE PUÒ AIUTARCI A RESTARE LIBERI"
(Roberto Esposito)

martedì 23 dicembre 2008

CRISI DELLA SINISTRA

Venerdì 19 "il Manifesto" è uscito con un numero allo stratosferico prezzo di 50,00 €. pubblico qui la lettera che il mio compagno ha spedito al giornale in questine.

il Manifesto 1

Non sarò breve. Se il tempo è denaro con tuti i soldi che vi ho dato negli anni potete perdere alcuni minuti per ascoltarmi.
Antefatto: cena fra amici, come sempre (quale lo sapete, l'avete pubblicata sul giornale). Novità! Stasera si paga. Sottoscrizione per il Manifesto. Commensali: un albergatore, due architetti, un dirigente pubblico, svariati insegnanti in ruolo o in pensione, un operaio-artigiano (io, mi hanno costretto a partita iva, ma prendo meno di quando facevo l'operaio), un'impiegata (con la ditta sull'orlo del fallimento). Un gatto fusoso bisognoso di coccole.
"Prezzo" pattuito 20 €. Provate ad indovinare quale coppia alla fine ha lasciato 50€ anzichè farsi dare 10€ di resto?
Venerdì il Manifesto a 50€. Non voglio sapere quanto (non) prendete di paga e nemmeno mi interessa. Fate bene il vostro lavoro e la qualità non ha prezzo. So che prendete tutti la stessa cifra e questo è ancora uno dei motivi fondamentali che mi spinge a comprarvi.
Vi acquisterò, rinunciando al regalo di natale alla mia compagna(quella con la ditta in fallimento).
Anche gli altri commensali forse vi acquisteranno. Qui però sta il vulnus, secondo me, non di venerdì, ma della vita del Manifesto. (problema già postovi tempo fa).
A chi vi rivolgete? Chi sono i vostri lettori?
Se vi rivolgete a chi lavora la vostra domanda di 50€ è immorale. Vergognatevi! Prima di questa mail stavo facendo la lista della spesa barcamenandomi on line tra le offerte dei supermercati.
Per chi è a busta paga, per chi porta a casa anche 1.600€ al mese, con affitto o mutuo da pagare, con la completa assenza di prospettive per gennaio-febbraio- marzo-....... 50€ sono sangue. Eppure noi abbiamo bisogno del Manifesto.
Se vi rivolgete a chi ha uno stipendio (più o meno alto) più che sicuro, sappiate che rischiate di fare la fine delle cena di cui sopra. Tanti soldi, ma prima ci sono IO con i MIEI bisogni, poi, per la " lotta", si vedrà. Il Manifesto, la "lotta" , sono problemi ideologici, non di quotidianità. Se il Manifesto non c'è più, " peccato, un'altra sconfitta della sinistra, ci resta solo la pagina culturale, bella, di repubblica".
Cari compagni, non so cosa dirvi, ho bisogno del giornale, ma chi ha i soldi se li tiene, e vive felice, e chi non li ha fa veramente fatica a darveli, vivendo la paura del vuoto mentale.
Buon Natale
R......B........Coriano (l' autrice del blog ha rimosso la firma)
P.S. Prego il Sig. Marco Boccitto di non prendermi per il culo. Per due pizze margherita e due birre si spendono circa 26€ e non 50, e alle volte ci scappa anche il caffè. Per due pizze margherita, che il resto è roba da signori. Se volesse venirmi a trovare, volentieri lo accompagnerei in agriturismo dove per la stessa cifra, anche meno, gli faccio mangiare la migliore tagliata di manzo che possa trovare.
PP.SS. Troppo lunga per essere pubblicata. Nell'eventualità non accetto tagli.
Buon anno

E da me boun anno anche agli eventuali lettori di questo blog

1 commento:

guido ha detto...

Grande Vera,
ero "passato" solo per farti gli auguri di buone feste ma quello che hai pubblicato ed ha scritto il tuo compagno è una cosa grande.
Assieme al manifesto abbiamo bisogno di tante altre cose, in primis un po' più di ugualglianza sociale e sopratutto che si ritorni a dare il giusto "peso" alle cose. Chi produce, chi fatica sia rimesso un po' più al centro e non ai margini come in questi ultimi vent'anni. La Milano, da bere, la finanza creativa ma che c..... ce ne facciamo. Speriamo, a noi in Italia abbiamo poi bisogno di un ulteriore passo, mandare a "mare" magari anche a Rimini non importa, una persona e poi si potrà tornare a parlare discutere. Abbiate fede...
Tanti auguri
Guido