"SOLO L'ASSENZA DI CERTEZZE PUÒ AIUTARCI A RESTARE LIBERI"
(Roberto Esposito)

sabato 21 giugno 2014

CHISSA’ DOVE VA QUESTA STRADA

Ovvero viaggi domestici.
Visto che di viaggiare sul serio da un po’ di anni non se ne parla nemmeno, con il mio compagno, per consolarci, ci concediamo degli improbabili viaggi dietro l’angolo.
Quando abbiamo un po’ di tempo prendiamo la macchina e, individuata una meta approssimativa qui nei dintorni partiamo alla sua volta inventandoci itinerari fantasiosi molto più lunghi del necessario tra stradine secondarie e altre che non compaiono sulle carte.

Lo scopo non è mai arrivare, anche se solitamente arriviamo, ma andare verso, guardandoci intorno.
Chissà dove va questa strada, frase che ricorre quasi ad ogni bivio, è una sorta di parola magica per portarci in posti non lontani da casa e che pure non avevamo mai visto.
Spesso “questa strada” non va da nessuna parte se non a casa di qualcuno, nella cui aia tocca poi fare inversione tra cani che abbaiano, galline che fuggono e vecchiette che ci guardano perplesse. Altre volte dietro una curva ci aspettano piacevoli sorprese, questo appunto è il caso dell nostro ultimo vagabondaggio tra Romagna e Marche.

Meta originaria alla partenza era Serrungarina Un borgo con pianta a cerchi concentrici che non poteva non suscitare la nostra curiosa attenzione.

 Serrungarina_Veduta
foto presa da QUI (ci trovate anche qualche notizia storica)

Per arrivarci le nostre abituali divagazioni ci hanno condotto tra l’altro a Pozzuolo, minuscola frazione di Serrungarina trovata per caso.
Guardandoci attorno, lungo la strada che dopo vari cambiamenti di rotta ormai ci aveva condotti quasi alla meta, dall’altro lato di una piccola valle ci ha sorpreso questo pugno di case.
20140602_1524a 

Inversione a U e si ritorna indietro di un paio di chilometri a caccia di una strada per arrivarci.
Niente cartello che indichi il borgo del quale non conoscevamo il nome, ma solo una generica via Pozzuolo che si è dimostrata essere la strada giusta.

Numero di abitanti 26, dicono i siti istituzionali, una vera metropoli. 
20140602_1514
Quattro case,
20140602_1509
e nemmeno uina macchina, qualche bimbo che gioca,

 Panoramica1
un bellissimo panorama,
e…
20140602_1487a
un’ inattesa e gradevolissima accoglienza.

-Volete vedere?…Entrate entrate… Cosa possiamo offrivi?
Daniele e Loretta, che non ci avevano mai visto ne conosciuto, in men che non si dica ci hanno messi seduti a tavola sulla bella terrazza del loro piccolo e curatissimo “Agriturismo Pozzuolo”.
 
Pane fatto in casa, un buon bicchiere di vino, un salame di “Cinta Senese“ buono come mai mi è capitato di sentirne, pecorino sardo stagionato saporito ma non salato, profumato di prati.
20140602_1489 

La struttura è una vecchia casa ristrutturata secondo i dettami della bioedilizia, Loretta e Daniele hanno avuto il coraggio di rinunciare al “rustico rifatto” così frequente negli agriturismo, a favore di scelte lineari e moderne che si sposano con le strutture principali preesistenti come i bei solai in legno colorati in bianco. 

20140602_1491
Una sala di lettura per gli ospiti con buoni libri e impianto stereo meglio di un salotto di casa.
20140602_1496

Una cantina bellissima che fa venir fame solo a guardarla,
20140602_1502a
20140602_1504a 
Orto biologico, il forno a legna per il pane fatto in casa, le uova dal pollaio del vicino, appena dietro le mura dove le galline in un grande recinto tra prati e tigli fioriti corrono qua e la.
Daniele dopo averci offerto la merenda ci ha fatto compagnia a chiacchiere raccontandoci di loro e ascoltando di noi, Loretta impegnatissima a lucidare tutto ciò che era già lucidissimo, non si è fermata un’attimo.

Mi rendo conto di avere in parte contravvenuto alle norme del mio blog con questo post che potrebbe essere in un certo senso pubblicità (cosa assolutamente bandita dal mio diario) ma la nostra giornata di viaggio diero la porta di casa a questo ci ha portato e  raccontarlo mi pare il minimo per ringraziare Daniele e Loretta che in cambio della loro ospitalità e gentilezza non ci hanno chiesto nulla.

Alla fine, dopo essere ripartiti da Pozzuolo, alla nostra meta, Serrungarina, siamo arrivati, ma questa è un’ altra storia e metterò le foto un’altra volta ;-)

12 commenti:

blogredire ha detto...

Ma la cantina è un piccolo gioello!

Alligatore ha detto...

A me è venuta sete :)
p.s.
... sì, pubblicità, ma pubblicità progresso ;)

Sara ha detto...

Curioso! c'è un paesino che si chiama Pozzuolo anche qua, nel Comune di Lerici. Hai fatto bene a segnala questo agriturismo, mi sembra che le titolari abbiano un gusto molto raffinato, complimenti!

Giò ha detto...

Ma bello (la cantina, poi, strepitosa). Devo metterla nell'elenco delle cose da vedere quanto prima. Studiando la carta non è poi così lontano!
Buon tutto!

unrosetoinviacerreto ha detto...

Parlare di belle cose e begli incontri non è pubblicità ma giusta condivisione.

Vera ha detto...

@Blogredire, è quello che ci conservano che è prezioso!

@Alligatore preferisci bianco o rosso?

@Sara chissà forse in entrambi i luoghi c'era un pozzo importante

@Giò peccato che la fascia di prezzo non sia esattamente alla mia portata, e comunque, li non è lontano da qui ;-)

@ Unroseto Belle e buone, da leccarsi i baffi!

Alligatore ha detto...

... sai già la risposta :)

Vera ha detto...

Anche io , persino con il pesce, come si usa qui in Romagna.
:D

erbaviola ha detto...

Che posto incantevole!!! E quella cucina è una meraviglia, la madia per impastare una gioia da vedere!!!
No, no, falle queste pubblicità che sono utilissime :) Anzi, alla prossima pubblicità progresso informati anche se per noi vegan c'è qualcosa a parte il pane, ti incarichiamo ufficialmente come nostra guida Michelin! Sono sicura che sarà un'informazione utile per molti che passano silenziosamente di qui a leggere.

Vera ha detto...

@ Erbaviola: mi pare che avessero detto di sì Grazia, in ogni caso bisogna prenotare comunque, quindi si può sempre chiedere. Non accolgono mai più di 20 persone, dicevano che l'ideale è 6 - 8 ospiti. Una cosa molto intima.

UnUomo.InCammino ha detto...

La Grande Bellezza e la straordinaria qualita' di vita, il ben-essere dell'Italia rurale.
:)

Vera ha detto...

@UnUomo... complimenti per la pazienza,ti stai pian piano sfogliando tutto il mio blog. Molto onorata di ciò.

Si bello vagabondare, vorrei poterlo fare di più.