"SOLO L'ASSENZA DI CERTEZZE PUÒ AIUTARCI A RESTARE LIBERI"
(Roberto Esposito)

lunedì 12 aprile 2010

VERDE

2010-04-090001 SPECCHIO            (Salvatore Quasimodo)                                          Ed ecco sul tronco /si rompono gemme: /un verde più nuovo dell’erba /che il cuore riposa: 2007-03-180089

il tronco pareva già morto, /piegato sul botro. 2007-03-180065 E tutto mi sa di miracolo; 2010-04-090002ae sono quell’acqua di nube /che oggi rispecchia nei fossi               più azzurro il suo pezzo di cielo, 2006-08-140001a

quel verde che spacca la scorza /che pure stanotte non c'era.

2010-04-090003 2010-04-090020Nell'ultima foto: semi immaturi di olmo, provateli nelle insalate o nella frittata sono ottimi

12 commenti:

valverde ha detto...

Le foto sono bellissime ,come sempre! Ti chiedo una cosa : che pianta è quella della prima foto?
Grazie, baci
val

Vera ha detto...

E' un' euforbia ma non ricordo specie e varietà, ci guarderò

Vera ha detto...

Euphorbia characias credo,bella robusta si allarga e prospera

guarda qui
http://it.wikipedia.org/wiki/Euforbia#Specie_principali

anche altre due foto più in basso son sempre la stessa pianta

equipaje ha detto...

Sulla specie ci metterei un punto di domanda, ma le foto fanno senz'altro ottima concorrenza a quelle del più famoso blog maggiore ;)
Dunque avete ancora gli olmi, da quelle parti?

Vera ha detto...

Ciaooo Equipaje, bello risentirti ogni tanto. Di olmi qui ce ne sono molti, anzi moltissimi. evidentemente devono essere di una specie resistente alla grafiosi oppure i maledetti coleotteri scolitidi non amano l'aria di mare...
dunque l' Ulmus procera non è perchè ha la foglia troppo tondolina, il glabra nemmeno perchè ha il seme al centro della samara mentre il nostro lo ha spostato in basso... Propenderei per una popolazione di Ulmus carpinifolia... FORSE... ;)

sogniebisogni ha detto...

Ciao, ho pubblicato la poesia che mi avevi lasciato :)

valverde ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
valverde ha detto...

Grazie cara Vera, è una pianta che mi piace molto così alla vista , ma non sapevo proprio il suo nome!
Anch'io ho qualche olmo di quelli che sulla corteccia fanno una sorta di "sughero"naturale -non è una malattia- dopo due tre anni...
e sembra che siano gli unici alberi a prosperare sul nostro terreno argilloso e con la zona molto ventosa e soleggiata ..mah!
Mio suocero ,anziano signore di 83anni , li chiama olmi-oppio ma ho cercato su internet e Oppio è il nome di un acero...mah!
Comunque credo siano olmi simili ai tuoi, casomai li fotografo e ti faccio vedere...
Scusa se ho cancellato il mio commento precedente, ma era inesatto e troppo pieno di errori di battitura...ehm la mia disgrafia peggiora!
ciao,
un caro saluto
valverde inesperta

erbaviola ha detto...

Ma no, questa dei semi di olmo non la sapevo! Provo di sicuro, che bello questo blog!

Vera ha detto...

Ciao Erbaviola, ben trovata. Svelta però prova in fretta, perchè quigli olmi stanno già ingiallendo i semi e poi non son più un granchè da mangiare. Da giovani sono dolcini, un po' come i piselli novelli.

marina ha detto...

bellissime foto! ma dove li trovo i semi immaturi di olmo? prendo quelli sulla strada?
marina

Vera ha detto...

Scusa Marina, vedo solo adesso il tuo commento. Magari proprio sulla strada non è il caso, non hai qualche boschetto nei paraggi? Se tu abitassi dalle mie parti comincerebbe ad essere già tardi i semi sono quasi tutti maturi, in insalata non vanno piùbene ma chissà magari adesso sanno di noccioline... ;) proverò